Come gestire due o più schermi su Windows!

Hai comprato un nuovo monitor è vuoi affiancarlo al tuo principale. Come fare per gestire al meglio entrambi i monitor e avere più spazio utilizzabile nel desktop? Oppure vuoi usare un proiettore per far vedere su schermo una relazione ad una riunione di lavoro. Come impostare al meglio il proiettore in modo da far vedere quello che tu vuoi mostrare ai tuoi colleghi?

multischermo

Con il passare del tempo, la tendenza ad avere più monitor e doverne gestire almeno due sta diventando comune sia per scopi lavorativi (aumentando la produttività del lavoratore) che a scopi ludici (aumentando la visuale effettiva di un videogioco) e perciò sempre più spesso siamo richiesti a collegare più monitor al nostro PC, ma magari non sappiamo come impostare al meglio entrambi i monitor. In questa guida vederemo in maniera semplice come puoi gestire due o più monitor collegati allo stesso PC e daremo anche alcune delucidazioni tecniche su come approcciarsi a questo campo se non hai ancora provato un sistema con più monitor.

Prima di tutto cominciamo con degli appunti tecnici: per poter essere possibile l’uso di due o più monitor avrai bisogno di una scheda video che lo permetta. E’ matematico. Se la tua scheda video non ha abbastanza uscite video (che siano le classiche VGA, DVI o HDMI o un mix di esse poco importa) non potrai collegare più di un monitor perchè fisicamente la tua scheda video non riesce a reggerli! Devi sapere che gestire due o più monitor non è cosa da poco e che tende a stressare molto la scheda video (specie se i monitor hanno risoluzioni molto alte) e quindi non tutte le schede video possono farlo. In genere però nei portatili è possibile collegare un secondo monitor, ma difficilmente ne potrai collegare più di uno. Perciò in conclusione: per poter avere più monitor hai bisogno di una scheda video adatta.

In secondo luogo si deve tener conto anche della potenza dell’alimentatore del pc stesso: in genere non è un problema vero e proprio visto che le schede più adatte per collegare diversi monitor in genere hanno l’alimentazione a parte, ma se non dovessero essere alimentate a parte potrebbe essere un problema e potresti avere delle incompatibilità (per esempio la tua tastiera o un’altra periferica potrebbe non funzionare perchè non verrà alimentata dall’alimentatore a causa del secondo schermo collegato che “ciuccia” tutta la corrente elettrica). Per essere sicuro che non hai problemi basterà fare una prova, semmai dovresti avere problemi basterà scollegare il monitor e tutto tornerà alla normalità senza alcun danno.

Infine bisogna parlare della risoluzione dello schermo da collegare: è preferibile scegliere monitor con risoluzioni e rapporti (4:3, 16:9 e cosi via) simili. Questo perchè differenze nelle dimensioni dello schermo potrebbero portare a problemi di compatibilità che possono essere aggirati ovviamente, facendo opportune modifiche alle impostazioni, ma che ti potrebbero dare delle piccole magagne in certe situazioni (specialmente quando lo schermo da collegare non è compatibile con la risoluzione dello schermo principale e si usa il comando “Duplica“). Inoltre se il tuo interesse è quello di usarlo per giocare, dimensioni differenti (anche il numero dei pollici del monitor quindi) possono essere fastidiose visto che avrai delle immagini “deformate” per motivi puramente fisici. In conclusione prediligi sempre monitor con caratteristiche simili.

Finita la sezione tecnica possiamo buttarci a capofitto sulle modifiche alle impostazioni! A questo punto avrai collegato il tuo monitor al PC. Di base si hanno 4 opzioni disponibili nella gestione di due schermi (le opzioni sono simili anche nella gestione di 3 o più schermi ma ne parleremo meglio successivamente) che sono:

1) Mostra solo lo schermo principale;
2) Duplica;
3) Estendi;
4) Mostra solo lo schermo secondario;

La prima e la quarta sono esplicative (per principale si indica il monitor usato di default o quello da te impostato come principale se hai mai modificato questo parametro). Duplica non fa altro che mostrare la stessa immagine su entrambi gli schermi (ottimo quando si usa un proiettore) e infine Estendi permette di utilizzare il secondo monitor come un’estensione del primo aumentando la porzione di video (preferibile a scopo lavorativo o per giocare).

Per poter modificare velocemente queste impostazioni ti basterà premere la scorciatoia da tastiera TASTO WINDOWS+P. Ti si aprirà il pannello Proietta o ti spunterà una piccola finestra al centro dello schermo (dipende dalla tua versione di Windows).

Qual’ora tu voglia modificare la posizione dell’estendi (di default è a destra, ma può essere messa in altre posizioni) o vuoi gestire più di un monitor allora ti consiglio di andare direttamente nelle Impostazioni schermo.

Puoi aprirlo in tre maniere:

1) Tasto destro del mouse sul desktop e clicca su “Impostazioni Schermo”
2) Apri Impostazioni, raggiungibile tramite scorciatoia da tastiera TASTO WINDOWS+I o dal centro notifiche e successivamente clicca su Sistema;
3) Da Pannello di controllo>Schermo>Cambia le impostazioni dello schermo;

Una volta nelle impostazioni/pannello di controllo ti si porrà dinanzi la seguente finestra:

Da qua potrai fare la stessa cosa che ti permetteva la schermata “Proietta”, ovvero potrai cambiare le impostazioni degli schermi, ma qua le modifiche saranno legate agli schermi che selezionerai. Prima di tutto premi sul tasto Rileva cosi che il computer riconosca tutti i monitor collegati ad esso. Successivamente clicca sul monitor che ti interessa (se non dovessi sapere quale dei monitor indicati è quello che vuoi modificare clicca su Identifica cosi da indicare a schermo il numero relativo a ciascun monitor) e potrai modificare i suoi parametri. Potrai indicare se il monitor scelto è il principale (quello a cui tutti fanno riferimento) o se non lo è e potrai indicare l’orientamento dello schermo (se orizzontale o verticale) e come esso si relaziona con il principale (duplica, estendi) o se mostrare un singolo monitor.

Se dovessi scegliere la modalità Estendi potrai come detto prima spostare il monitor in modo da estendere la porzione di video nella direzione da te preferita (per esempio se posizioni il tuo monitor a sinistra, vorrai che si estenda alla sinistra e non alla destra del principale come default). Per far questo ti basterà selezionare la modalità Estendi e successivamente trascinare dalla parte alta della finestra lo schermo interessato nella posizione più congeniale. Su windows 10 questa operazione è più interessante visto che permette posizionamenti più elastici (permette anche di posizionarlo in alto o in basso).

Se dovessi decidere di usare la modalità estendi ti ricordiamo che è importante rispettare le risoluzioni di ciascun schermo e non indicare una risoluzione non adatta ad un monitor, altrimenti potresti avere problemi di compatibilità. Se dovessi usare questa modalità per giocare, inoltre, ti sarà importante dare un’occhiata a quest’articolo scritto sul nostro sito, visto che alcuni giochi non supportano perfettamente il multi-schermo e potresti avere problemi di visualizzazione.

Per modificare la risoluzione su sistemi Windows 10 dovrai andare sulle impostazioni avanzate.

gestione_schermo (6)

Da qua potrai anche modificare altri parametri, come i colori o visualizzare le caratteristiche della tua scheda video.

In conclusione, gestire due o più monitor è un’operazione più o meno semplice. Ogni impostazioni ha degli utilizzi molto precisi e particolari, per questo è importante sapere cosa si vuole fare per prendere la giusta decisione al riguardo. Ti ricordiamo come sempre di fare molta attenzione agli aspetti tecnici per evitare di ritrovarti con un nuovo schermo che non puoi usare, e inoltre ti raccomandiamo nuovamente di scegliere monitor di dimensioni e risoluzioni simili per evitare deformazioni dell’immagine. Detto questo ti auguriamo una buona esperienza con il tuo sistema a multi-schermo!

Rating: 5.00. From 2 votes.
Please wait...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *