Che cosa rende buona una VPN?

Le migliori VPN offrono un buon equilibrio di caratteristiche, ubicazione dei server, protocolli di connettività e prezzo. Alcune sono ottime per un uso occasionale, altre sono maggiormente indicate per aggirare le restrizioni locali che le aziende impongono sulle loro applicazioni e servizi, e altre sono rivolte a persone che scaricano molto e vogliono un po’ di privacy mentre lo fanno. Ecco cosa dovreste cercare.

Posizioni dei server

Siamo sicuri che sarete d’accordo con noi che questo è uno dei fattori più importanti. Il numero di paesi significa che la VPN può dare più opzioni e opportunità. Ad esempio, sbloccare i siti che non sono disponibili nella vostra regione, cambiare il vostro indirizzo IP in un solo clic e navigare da qualsiasi paese supportato dal servizio VPN in considerazione.

Se l’accesso a contenuti riservati a una regione è un elemento che vi interessa (ad esempio per guardare Netflix fuori dagli Stati Uniti), allora è fondamentale che il provider disponga di server nel paese per il quale i servizi sono riservati. Allo stesso modo, chi scarica in P2P dovrebbe scegliere un paese che accetta il P2P (Hong Kong, Panama, Svezia, Paesi Bassi, Romania e Svizzera sono tutte buone scelte).

I principali paesi sviluppati (come gli Stati Uniti) tendono ad avere forti leggi di tutela dei consumatori per fare in modo che le imprese non si approfittino dei loro clienti e mantengano le loro promesse.

Se una VPN in un paese del terzo mondo garantisce di non spiare i propri utenti, si può davvero crederci se non c’è nessuna responsabilità? Nei paesi industrializzati come Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Olanda, ecc, ci sarebbero gravi conseguenze per le aziende che traggono regolarmente in inganno i loro clienti, di conseguenza le imprese hanno un forte incentivo a relazionarsi onestamente e correttamente con i propri clienti.

Noi suggeriamo in particolar modo i fornitori di VPN con sede negli Stati Uniti, sia a causa delle leggi che tutelano i consumatori e la sorveglianza del governo sulle imprese, sia per il fatto che gli Stati Uniti non richiedono la conservazione di dati da parte dei fornitori di VPN, il che significa che non è necessaria alcuna registrazione di dati VPN.

Protocolli di crittografia

Il protocollo di crittografia utilizzato da una VPN è una misura del livello di sicurezza per le vostre attività online. Senza entrare troppo nei dettagli tecnici, dovreste cercare L2TP/IPSec o OpenVPN, che sono state le due migliori opzioni per la sicurezza VPN nel 2015.

PPTP è generalmente considerato poco sicuro a causa di troppe vulnerabilità facilmente sfruttabili. Lo stesso vale per il vecchio L2TP (al contrario di L2TP/IPSec).

Per la maggior parte di voi, questo è tutto quello che vi serve sapere. Ma se siete tra quelli a cui piace saperne di più, continuate a leggere.

In L2TP/IPSec la parte relativa al Layer 2 Tunnel Protocol è un protocollo VPN che non offre alcuna crittografia — questo è ciò che, invece, fornisce la parte IPSec. Questo può renderlo un po’ più lento — il traffico deve essere convertito a L2TP e poi crittografato. Il grande vantaggio è che è facilmente applicabile sia ai computer che ai dispositivi mobili.

OpenVPN si basa su tecnologie open source come viene suggerito dal nome. Ha molte opzioni per la configurazione ed è abbastanza sicuro. Il suo più grande vantaggio è che tutto il traffico che ci passa attraverso dovrebbe sembrare traffico web standard ed essere estremamente difficile da bloccare, anche nel caso che qualcuno stesse cercando traffico VPN. Tuttavia non sono molti i sistemi operativi desktop e mobili in cui è integrato — è necessario eseguire sul dispositivo un’applicazione di un produttore esterno per farlo funzionare.

PPTP sta per Point to Point Tunnelling Protocol — è quello che volete evitare. È più vecchio e nonostante sia estremamente facile da configurare, presenta troppi problemi per la sicurezza.

Potreste anche imbattervi in SSTP — Secure SocketProtocol — che è un protocollo brevettato da Microsoft. È stabile e sicuro, ma la maggior parte del supporto è su Windows, il che lo rende poco adatto per il supporto multipiattaforma.

Politica di registrazione dati e privacy

Quando affidate le vostre informazioni personali a una società, è bene conoscere la politica sulla privacy adottata da questa. Questo è doppiamente importante con un provider di VPN, con l’ulteriore avvertenza di scoprire se registra i tuoi dati internamente.

Una VPN vi terrà al sicuro (si spera) da occhi indiscreti esterni, ma questo non significa che il provider stesso non stia mantenendo un registro dettagliato della vostra attività. Ogni provider adotta una politica differente — alcuni potrebbero tenere un registro temporaneo che viene cancellato regolarmente, altri potrebbero non registrare nulla, altri ancora potrebbero registrare tutto. Questo, naturalmente, si ricollega a quando abbiamo già detto relativamente a dove l’azienda ha sede e a quali leggi potrebbe essere soggetta.

Se siete molto attenti alla privacy, potreste anche andare oltre e trovare una VPN che riceva i pagamenti in criptovaluta, come ad esempio Bitcoin, il che significa che non sarà necessario fornire i dati della vostra carta di credito o il vostro nome e cognome.

Larghezza di banda

Per la maggior parte degli utenti di internet è molto importante che la loro esperienza di navigazione non soffra. Il percorso attraverso il quale devono viaggiare i dati con una VPN è spesso molto più lungo rispetto a quello che succede con una connessione internet regolare, e questo è dovuto alla complessità di un tale approccio sicuro. Questo è il punto in cui la velocità di connessione diventa veramente importante.

Prima di tutto, non pagate di più per grandi larghezze di banda come 30 Mbps se non siete sicuri che il vostro ISP possa offrire tale velocità per la vostra regolare connessione a internet. È anche molto importante sapere se il fornitore di VPN limita la larghezza di banda per determinate attività. Come ad esempio può succedere per la condivisione in P2P.

Opzioni di pagamento

Potreste chiedere: “Ma come faccio a pagare senza fornire le ultime 4 cifre della mia carta?”. Beh, anche questo fa parte della sicurezza. Noi vi raccomandiamo di cercare un servizio che supporti opzioni di pagamento sicure come Bitcoin, Google Wallet, ecc… che non danno le informazioni della vostra carta di credito ai destinatari del pagamento. In questo modo il vostro fornitore di VPN non sa chi è che sta pagando per il servizio. Se aggiungiamo a questo una registrazione senza e-mail otteniamo un approccio perfettamente sicuro per comprare cose online, che potrebbe essere quasi considerato un pagamento in contanti camuffato con un travestimento.

Non è certamente facile scegliere un fornitore di VPN tenendo in considerazione così tanti elementi. Tuttavia potrebbe essere molto più facile se si valuta la propria specifica modalità d’uso. Per esempio se si desidera solamente far funzionare Netflix, non avete bisogno di algoritmi di crittografia complicati o di pagamenti Bitcoin, mentre gli utenti torrent o gli imprenditori che vogliono evitare perdite di dati segreti potrebbero voler mantenere le cose un po’ più private e condividere meno informazioni.

OS e supporto dei dispositivi

Innanzitutto verificate che il provider di VPN permetta connessioni multiple su più dispositivi – a meno che non desideriate un unico dispositivo sicuro, come ad esempio un computer portatile per viaggiare, avrete probabilmente più dispositivi che desiderate siano coperti dalla VPN.

Nel mondo moderno questo significa più di un PC di casa e qualche computer portatile. L’elenco probabilmente includerà tablet e smartphone. Ancora più importante, la casa media francese avrà dispositivi che utilizzano vari sistemi operativi. Se avete uno smartphone Android, un portatile Windows e un iPad, vorrete essere sicuri che la VPN che state pagando funzioni per tutti questi dispositivi.

Il problema con le VPN gratis

Non ci sono altruisti nel business della sicurezza internet. In altre parole quando sembra che abbiate qualcosa gratis, vi conviene chiedervi che cosa ci stia guadagnando la persona che fornisce il servizio.
Esistono alcuni fornitori di VPN “gratis”, e possono anche essere piuttosto popolari (dopo tutto, cosa c’è di meglio di una cosa gratis?) ma tutti hanno in comune almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • Limitano fortemente la velocità, talvolta addirittura a 500kb/s (che è solo il 10% della larghezza di banda necessaria per utilizzare netflix in HD)
  • Conservano registri dettagliati della vostra attività, siti visitati e file scaricati
  • Potrebbero essere supportati da inserzioni pubblicitarie, o potrebbero installare adware/crapware nel vostro sistema
  • Molti proteggono solamente il vostro web browser, e non tutta la vostra connessione internet
  • Offrono funzioni limitate, poche posizioni di server e cercano costantemente di vendervi un servizio a un costo maggiore

Quando considerate che con circa 7$ al mese potete avere addirittura un “costoso” servizio VPN di alta qualità, le VPN gratuite difficilmente varranno la scocciatura o il rischio della privacy.

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 79 iscritti.